Il test salivare per la prevenzione della carie

20 Febbraio 2022
test salivare carie
5/5 - (1 voto/i)

Mai sentito parlare del test salivare? Già in uso da molti anni nel Nord Europa partendo dalla Scandinavia, il test salivare ha ambizioni elevate: ridurre le carie a zero. Si inserisce perfettamente nella prevenzione intesa come la miglior cura possibile.

Come recita il Ministero della Salute: “La carie è una malattia infettiva a carattere cronico-degenerativo ad eziologia multifattoriale. Colpisce circa l’80% della popolazione nei Paesi sviluppati e si forma per un iniziale processo di demineralizzazione dei tessuti duri dei denti (smalto, dentina), a causa della produzione acida della placca batterica presente sulle superfici dentarie.

La odontoiatria moderna si propone questo modello o progetto: combattere l’attività cariosa prevenendola invece che curandola. In questa breve guida cercheremo di analizzare in cosa consiste il test salivare per la prevenzione della carie e come intervenire per prevenire la carie.
 

Quali sono i test salivari?

Va detto innanzitutto che i test salivari esistenti sono più di uno e sono classificabili in questo modo:

  • Test Salivare Valutazione Rischio Carie (CRA). È un test per stabilire la predisposizione individuale allo sviluppo della carie e predisporre un programma preventivo alla sua formazione
  • Test Salivare Valutazione Rischio Parodontale (GPS). È un test che permette di stabile il rischio di una predisposizione genetica alla malattia del parodonto
  • Test Salivare Microbiologico (BPA). Offre un quadro generale sui principali microbi presenti nella bocca e associati alla malattia del parodonto
  • Test Salivare Valutazione Attività Enzimatica. Questo test permette una valutazione del flusso salivare indice di un possibile danno tissutale per evitare problemi parodontali e perimplantari.
  • Infine il Test salivare Prevenzione della Porodontite e Perimplantite (aMMP-8) e il test antibiogramma entrambi legati alla prevenzione del Parodonto.

Quindi, a parte il primo, gli altri test sono tutti stati creati per una delle patologie dentali più gravi: la parodontite.

Ma in che consiste il test salivare per la valutazione del rischio di carie?

Se vuoi maggiori informazioni

 

In cosa consiste il Test salivare per la valutazione del rischio di carie

Il test in questione è del tutto indolore e può essere eseguito su tutti i pazienti, piccoli e adulti. Se eseguito già dall’infanzia può essere uno strumento utile per conservare sani i denti permanenti. Esistono comunque dei soggetti che strutturalmente sono maggiormente predisposti al processo carioso: la prima infanzia, gli adolescenti, i fumatori, coloro che soffrono di diabete e le donne in gravidanza solo per citarne alcuni.

È un test che rivela la personale e individuale propensione o rischio al processo carioso.

Si basa su alcune nozioni fondamentali:

  1. La carie è una malattia infettiva prodotta da alcuni batteri presenti nella bocca di cui occorre conoscere la composizione e la quantità presente.
  2. La saliva è il principale elemento che può fronteggiare gli acidi prodotti dai batteri. Occorre dunque sapere se la saliva del paziente ha la capacità, e in che misura, di fronteggiare gli acidi.

 

Vuoi saperne di più?

 

Come si esegue il test?

Per eseguire il test si preleva un campione di saliva e lo si posiziona su una striscia di cultura. Quest’ultima viene inserita in un forno speciale che mantiene costante la temperatura. Dopo di che, si devono lasciare trascorrere 48 ore perché possano evidenziarsi delle macchioline, esse rappresentano i batteri presenti. Dalla quantità presente, insieme ad anamnesi delle abitudini di igiene orale del paziente e di alimentazione, oltre che allo studio del PH salivare e alla valutazione della placca presente, il dentista, avendo un quadro completo della predisposizione del paziente alla formazione della carie, procederà a delineare un programma di prevenzione.

A seconda degli elementi sopra elencati, i pazienti verranno classificati in tre aree di rischio: basso, medio e alto.

Per ogni categoria esiste un programma di prevenzione di circa un anno che il paziente dovrà seguire scrupolosamente.

 

Come intervenire una volta eseguito il test

Ogni programma di prevenzione sarà ‘ad personam’ e quindi unico ma, in linea di massima, possiamo evidenziare tre linee d’azione:

  1. Eliminare o ridurre la carica batterica ricorrendo a una igiene orale quotidiana eseguita dal paziente e pulizie dentali periodiche effettuate in studio.
  2. Aumentare la salivazione e ridurre l’acidità facendo attenzione agli alimenti altamente zuccherini.
  3. Rinforzare lo smalto dei denti attraverso l’uso di specifici dentifrici o di lacche protettive al fluoro.

Il piano o programma di prevenzione è annuale e può essere rivisto in corso d’opera mano a mano si ottengono i risultati voluti.

I test salivari quindi possono contribuire a diminuire i costi e i tempi necessari per avere una dentatura sana e mantenerla nel tempo.

Se vuoi saperne di più sui test salivari
Posted in News