Come lavarsi bene i denti?

17 Agosto 2016
lavarsi i denti
Vota questa pagina

COME LAVARSI BENE I DENTI?

Quando ci si reca dal proprio dentista è prassi comune interrogarlo sulla salute e la pulizia dei propri denti. Molte volte, dopo pulizie prolungate, si chiedono consigli o suggerimenti su come curare la propria salute orale. Purtroppo sovente risulta necessario ricordare al paziente come lavarsi bene i denti. Lo spazzolamento e le altre operazioni di pulizia vengono infatti frequentemente effettuate non correttamente o a volte addirittura completamente trascurate. Ecco quindi un semplice ma completo elenco delle 10 cosa da ricordare per lavare i denti in modo corretto.

UTILIZZARE LO SPAZZOLINO IN SENSO VERTICALE

Per lavare bene i denti è necessario utilizzare lo spazzolino con movimenti verticali e non orizzontali. Uno spazzolamento orizzontale non permette la rimozione totale dei residui di cibo ma anzi ne favorisce l’accumulo nei canali e negli spazi naturali tra i denti. Muovendo invece lo spazzolino in senso verticale è più semplice pulire correttamente i denti ed evitare l’accumulo di residui vicino alle gengive

SPAZZOLARE SEMPRE IN SENSO CONTRARIO ALLA GENGIVA

Un errore molto comune è quello di spazzolare energicamente i denti dall’alto verso il basso e viceversa, mantenendo la mascella serrata e pulendo con un solo gesto entrambe le arcate. Si tratta in realtà di un movimento scorretto che “spinge” i residui sotto le gengive e, nel tempo, favorisce la creazione del tartaro sottogengivale, una delle cause più comuni della paradontite. Gengive arrossate e un sanguinamento durante il lavaggio possono indicare la presenza di un’infiammazione dovuta a tartaro accumulatosi a motivo di questa abitudine scorretta. Il giusto movimento prevede invece uno spazzolamento dall’alto verso il basso, per quanto riguarda l’arcata superiore, e dal basso verso l’alto, per quanto riguarda l’arcata inferiore, in maniera da rimuovere definitivamente ogni tipo di residuo senza rischiare di pressarlo o spingerlo verso la base del dente.

LAVARE ANCHE LA FACCIATA INTERNA

Spesso un sorriso sano e bianco sono sinonimo di una corretta pulizia. Ma per un’igiene totale e per evitare l’accumulo di tartaro è opportuno pulire bene, o soprattutto, la facciata interna dell’arcata dentale.

SPAZZOLARE SENZA FRETTA

I ritmi a cui viviamo ci spingono a fare tante cose e a farle male. Per lavarsi bene i denti è necessario non effettuare uno spazzolamento rapido, ma dedicare almeno un paio di minuti al fine di pulire bene ogni parte delle arcate, con particolare attenzione alla facciata interna, come menzionato a volte “dimenticata”, e agli ultimi molari, più difficili da raggiungere e pulire.

UTILIZZARE LO SPAZZOLINO ELETTRICO

Gli spazzolini elettrici sono molto efficienti e consentono generalmente una migliore pulizia dei denti. Possono comunque essere utilizzati spazzolini tradizionali se si presta particolare attenzione al movimento effettuato durante lo spazzolamento

LAVARE I DENTI 3 VOLTE AL GIORNO DOPO I PASTI PRINCIPALI

Per evitare che l’accumulo dei residui di cibo e gli zuccheri poco a poco possano intaccare la placca dentale è buona abitudine spazzolare i denti 3 volte al giorno, dopo i pasti principali. Lo spazzolamento “serale” è il più importante perché è di notte quando si riposa che i batteri possono danneggiare maggiormente gli strati più superficiali dei denti e quindi conseguentemente determinare l’insorgere di una carie.

NON LAVARSI I DENTI TROPPE VOLTE

Per quanto sia importante lavarsi i denti frequentemente, dopo i pasti e possibilmente dopo aver mangiato cibi molto dolci, è bene ricordarsi che lavarsi i denti bene significa anche non lavarli troppo spesso. Lo spazzolamento infatti intacca la placca e potrebbe danneggiarla se ripetuto troppe volte in una giornata per un periodo di tempo prolungato.

UTILIZZARE UN DENTIFRICIO ADATTO

Esistono differenti tipologie di dentifricio. A seconda però della dentatura e/o delle problematiche di ogni singolo paziente (denti che si cariano facilmente, alitosi, paradontite ecc) è bene utilizzare un dentifricio specifico per il proprio problema, possibilmente suggerito dal proprio dentista

UTILIZZARE IL FILO INTERDENTALE

Per quanto lo spazzolino sia lo strumento principale da utilizzare per spazzolare bene i denti, il filo interdentale andrebbe utilizzato da tutti proprio per rimuovere i residui in quelle parti della bocca dove lo spazzolino non può arrivare, ovvero tra i denti. Il suo utilizzo è particolarmente indicato per coloro che dispongono di arcate dentali serrate e di uno spazio tra i denti molto ridotto. Di norma se ne suggerisce l’utilizzo la sera, dopo aver mangiato

UTILIZZARE IL COLLUTORIO

Un buon collutorio è utile per combattere l’alitosi, favorire la sensazione di una bocca fresca e rimuovere i batteri nocivi. Può essere utilizzato puro o diluito, a seconda della tipologia acquistata. Seguendo questi 10 semplici consigli sarà possibile lavarsi bene i denti e limitare al massimo l’accumulo di tartaro e la proliferazione di batteri. In ogni caso, è sempre consigliabile effettuare un controllo regolare presso il proprio dentista per valutare la salute della propria bocca. La pulizia dei denti (scopri di più sui nostri standard e costi visitando il link) è consigliata in ogni caso, anche se si ritiene di prestare particolare attenzione alla propria igiene orale. Il tartaro infatti con il tempo tende a crearsi, specialmente in quei punti che, per quanto ci si sforzi, sono comunque più complessi da pulire in forma adeguata. prenota seduta ablazione tartaro denti
Posted in News